mercoledì, aprile 25
05 agosto 2017
Marco Venturi
I suoi Articoli

Condividi

Come crearti più opzioni lavorative con le tue passioni

Avere più opzioni fra cui scegliere semplifica la tua vita, ecco come fare con calma.

05 agosto 2017
marcoventuri
I suoi Articoli

Condividi

Sono le opzioni che costruiamo nella mente che ci danno la serenità, l’energia e la motivazione per diventare migliori di quello che siamo.

Se abbiamo più opzioni siamo più sicuri e pro-attivi, ci sentiamo leader di noi stessi, capaci di affrontare qualsiasi avversità. Avere poù scelte possibili è la nostra sicurezza, la stanza in cui la nostra autostima è al caldo.

Quando invece pensiamo di non aver alternative o vie d’uscita la cosa diventa subito preoccupante e parecchio. Un esempio che capita a fagiolo è l’idea del lavoro in Italia..
Finché diamo la colpa al governo, alla società o al nostro datore di lavoro della nostra situazione rimarremo dentro una bolla fatta di niente ma piena di paura, e di dipendenza.

Mentre se facessimo quello che necessita per la nostra salute, la nostra situazione finanziaria con responsabilità le cose andrebbero diversamente, avremmo certamente più impegno da versare sul piatto ma prima o poi ne vedremmo gli effetti. Mangeremo tutti e meglio.

Creare opzioni, cercare opportunità anche fuori dal nostro solito recinto nel quale stiamo nel comfort totale è la caratteristiche di chi vuole di più dalla propria vita. Queste persone sono disposte a mettersi in gioco, colgono dei rischi in attività o lavori che non conoscono ma sono pronte a fare i passi necessari per portare il loro desiderio in vita. Sanno che dipende da loro la vincita o la perdita quindi scelgono una cosa e la portano fino in fondo. E sai una cosa?… Per persone di questo tipo funziona.

Creare più opzioni non è semplice e per ognuno di noi le occasioni possono essere diverse. La parola in sé non dice nulla di preciso per alcuni, oppure tutto per altri ma una cosa lasciamela aggiungere… L’80% di quello che hai, è dato dal 20 % di quello che fai bene….
Quindi per far bene una cosa serve prima di tutto che elimini ogni distrazione e ti concentri solo su quella. So che non è semplice visti i tanti impegni da svolgere ogni giorno ma puoi aggiungere un’abitudine che non costa neanche il 20% del tuo tempo ed è la prossima…

“Se ti prepari, la vita non ti troverà mai impreparato”

Una ricerca scientifica svolta in California anni fa ha confermato che se ognuno di noi avesse fatto tesoro di tutto quello che ha appreso fino a quel momento, se avesse riflettuto ed imparato da quello sbaglio, tratto un insegnamento da quell’altra esperienza… avrebbe a 30 anni ogni possibilità in mano e potrebbe ricavare un immenso beneficio da ognuna di queste opzioni.

Ma noi siamo come dei salmoni che nuotano controcorrente e che vogliono aver ragione faticando il doppio e sai perché?... Perché pensare è lo sforzo più grande che esista per noi.

Lo capisco benissimo dal momento che nessuno (finora) ci ha dato le istruzioni certe per l’uso della nostra mente ma a questo possiamo rispondere facendo esattamente come i big, osservando e copiando le formule che hanno usato per diventare dei Master nel loro settore, modellando almeno una loro abitudine che ci porti nel tempo ad avere più opzioni da poter scegliere.

Immagina di avere un diario o un blocco note, una To Do List sul tuo smartphone sulla quale raccogli le cose che ti interessano di più. Immagina che ogni volta che scopri qualcosa di nuovo aggiungi quel link ai preferiti del tuo browser come fai con Facebook o Twitter.
Immagina di raccogliere Immagini 😉 , frasi, articoli, pensieri e considerazioni, scoperte scientifiche o colori di capelli delle Vip, di riassumere impegni e orari, liste della spesa, conti in banca, parole chiave da video o mp3 formativi o qualsiasi altra cosa ti venga in mente…

Immagina di raccogliere tutto quello che ti interessa sulla tua vera passione nel tempo… Cosa succederebbe dopo 10 anni?…
Saresti l’esperto N 1 al mondo su quel singolo tema. Avresti più conoscenza non solo di un laureando agli esami di laurea ma probabilmente anche di uno scienziato che troppo preso da regole si perde la passione di quello che sperimenta.

Il successo lascia tracce. Bryan Tracy

Un esempio reale:
Roby è un caro amico pasticciere che incontro ogni settimana nel suo giorno di pausa e, oltre al lavoro, moglie e figlie ha una grandissima passione per le moto da corsa.
E’ iscritto a tutte le pagine social di Yamaha, Honda, Gilera ed altre sia Italiane sia straniere, è sempre in ricerca sui siti ufficiali per sapere novità e conosce ogni dettaglio, modelli, prestazioni, accessori e quant’altro..
Le ultime immagini che ho visto sul suo smartphone erano di una marmitta dalle sembianze di uno squalo e di una nuova moto che rimane in piedi da sola senza cavalletti e che si muove a comando…
Facciamo una riflessione su un possibile lavoro alternativo di Roby se decidesse di smettere di fare dei dolci?…

  1. Commesso perfetto per negozio di moto ed accessori
  2. Proprietario di un negozio di moto
  3. Magazziniere di una distribuzione di accessori per moto ed auto
  4. Direttore di vendita di articoli sportivi riguardanti moto
  5. Collaudatore di moto
  6. Motociclista professionista
  7. Rappresentante di articoli per moto
  8. Opinionista di giornali e riviste di moto sportive
  9. Blogger di riferimento del settore moto sportive
  10. Imprenditore di un E-commerce di vestiario da moto
  11. Attività su Ebay o Amazon specializzata in marmitte 🙂

12. Cos’altro ancora?…

Questi esempi per quanto irreali dichiarano le diverse opzioni che potremmo valutare se raccogliessimo tutto quello che ci interessa su un diario o software per alcuni anni. Certamente potrebbe restare solo una passione che però nel tempo ci trasformerebbe in esperti a cui gli altri farebbero riferimento. Ammetto di aver conosciuto musicisti dilettanti suonare in cover band, meglio degli originali sui grandi palchi, di conoscere un direttore di banca che vince spesso il premio del miglior presepe vivente fatto interamente a mano, di aver mangiato i dolci più buoni da zie operaie, di aver ascoltato profondi poemi da un imbianchino.

Sui talent show hai conferme ogni stagione di persone ”normali” che creano o fanno cose diverse dalla normalità.

La passione genera opzioni non solo a livello lavorativo ma sopratutto spirituale, siamo noi che cresciamo quando ci appassioniamo e diamo il meglio di noi e le mappe mentali fanno questo, ti aiutano a dare il meglio di te. Ti aiutano ad estrapolare quello che la distrazione continua ti fa dimenticare, a dare spessore a quello che scegli di approfondire.
Occorre solo la tua attenzione verso una cosa (o poche cose) ed un attrezzo per raccogliere tutto in un unico posto sempre pronto a darti quello che cerchi.

Io uso Evernote che è una semplice applicazione sulla quale puoi raccogliere di tutto. Dalle idee ad un blog post completo, link e immagini, codici a barre, liste per priorità, compiti e date, addirittura progetti divisi in taccuini e con segnali di notifiche.

Online ne troverai tantissimi di simili, alcuni che salvano le tue idee su disco ed altri come Evernote che si sincronizzano su ogni dispositivo per avere tutto con te ovunque ti trovi. Consiglio vivamente di aggiungere questa applicazione (o un a agenda manuale) alle tue abitudini perché da li prenderai idee ogni volta per creare nuove mappe mentali.

Dove pensi abbia raccolto le info che mi servivano per scrivere questo ebook?.. Da libri o corsi o video?…
All’inizio ho fatto ricerche su supporti cartacei e corsi, ma negli anni ho raccolto quello che ritenevo importante ricordare sul software e poi assemblato tutto in più mappe mentali. Ogni occasione è utile per iniziare la tua ricerca e raccogliere informazioni. Internet, se sfruttato nel modo giusto è un posto meraviglioso nel quale puoi trovare veramente di tutto.

In chiusura di questo capitolo aggiungerei che ora tocca a te scegliere da dove partire e quale modo operativo usare. Ricorda che la capacità cresce con la ripetizione e che scegliendo una o poche cose su cui concentrarti diventi abile ed esperto prima. Quello è il 20% che produce di più.

Estratto dell’ebook: Mappe Mentali in Pratica ( il corso per allenare la mente a darti molto di più)

Marco Venturi

Come ho riassunto oltre 300 libri divertendomi – PDF Gratuito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico