Categorie
Viaggi e vacanze

Il Salento d’inverno tra presepi e mercatini

Il Salento è uno scrigno pieno di sorprese. Molti lo conoscono per le sue bellissime spiagge, per le sue acque cristalline, per le sue bellezze naturalistiche e per la sua cucina, ma pochi sanno che cosa si perdono nel non vivere il Salento d’inverno.

Sì, perché il Salento non è bello solo d’estate, ma è in grado di stupire e meravigliare anche durante il periodo invernale, soprattutto nel periodo che precede le festività natalizie, perché molti borghi festeggiano la festa più bella dell’anno secondo tantissime tradizioni tutte da vivere, da quelle culinarie a quelle religiose, in un dedalo di esperienze e sensazioni che affascinano chiunque decida di trascorrere qui le vacanze di Natale.

Le tradizioni culinarie del Salento

La cucina è sempre protagonista nelle tradizioni salentine, e in generale tutta la Puglia, affacciandosi sul mediterraneo, ha la cucina radicata nell’anima, e in particolare il Salento non è da meno e anche nel periodo invernale queste tradizioni esplodono in numerose ricette come ad esempio i porciddhuzzi, dolcetti di pasta simile a quella dei tarallini, fritti e cosparsi di miele, cannella e decorati con zuccherini o scaglie di cioccolato. Le cartellate, sfoglie di pasta arrotolata su se stessa a formare dei cestini, sempre cosparsa di miele. Ancora le pittule, palline di pasta simile al pane, fritte, e farcite con cavolfiore, peperoni, rape, olive, pomodori oppure semplici e zuccherate.

Nei vari borghi del Salento è facile sentire l’odore di queste pietanze diffondersi dalle case, magari durante le diverse sagre e feste che si alternano nei giorni che precedono il Natale.

Un altro piatto della tradizione che si prepara a Natale è anche il baccalà fritto, ovvero pezzetti di baccalà avvolti da una morbida pastella e fritti e, per finire, la classica lenticchia ad augurare una buona fortuna nel giorni di capodanno.

I mercatini del Salento d’inverno

Così come la cucina, molti dei borghi salentini organizzano numerosi mercatini di Natale, affollati dai tanto turisti e abitanti che cercano modi originali di addobbare la casa e gli alberi. Una tradizione abbastanza recente, ma che negli anni è cresciuta tanto fino a radicarsi al pari di tutte le altre.

Tra i mercatini di Natale più importanti ricordiamo:

  • Mercatino di Maglie > 16-26 Dicembre.
  • La magia del Natale a Melendugno > 10 Dicembre – 6 Gennaio
  • Le mura in Festa a Soleto > 26 Dicembre
  • Mercatino Settimanale a Poggiardo > 16-26 Dicembre
  • Natale per le vie del Borgo a Ruffano > 23 Dicembre
  • Natale in Corte a Tuglie > 15-17-22 Dicembre
  • Natale al Borgo a Muro Leccese > 9-26 Dicembre

Il modo migliore per visitare questi mercatini è quello di scegliere un hotel nel Salento come ad esempio La Conca Hotel, oppure un Bed and Breakfast come La Dimora del Fico, nel territorio salvese, a pochi chilometri dai centri più importanti.

I Presepi Viventi del Salento

Non solo mercatini per gustarsi il Salento d’inverno, ma anche i famosi Presepi Viventi, delle vere e proprie rappresentazioni umane dei giorni che precedono la nascita di Gesù. In Salento è una tradizione tanto antica quanto sentita, vediamo i più importanti:

  1. Presepe Vivente di Tricase > 25 Dicembre – 6 Gennaio
  2. Presepe Vivente di Otranto > 21 Dicembre – 6 Gennaio
  3. Presepe Vivente di Ostuni > 26 Dicembre – 6 Gennaio
  4. Presepe Vivente di Corigliano d’Otranto > 26-29 Dicembre
  5. Presepe Vivente di Alliste > 25-26 Dicembre e 1-6-8 Gennaio
  6. Presepe Vivente di Castro > 26 Dicembre e 1-6 Gennaio
  7. Presepe Vivente di Lecce > 25 Dicembre – 8 Gennaio

Questi sono solo alcuni Presepi Viventi che potrete ammirare nel Salento d’inverno, ma numerosi altri vengono organizzati ogni anno. Vi consigliamo quindi di chiedere informazioni dettagliate ai Centri di Informazione Turistica, di prenotare, come detto prima, un bed and breakfast o un hotel nel Salento e godervi i giorni che precedono il Natale in questa terra fantastica.

Categorie
Curiosità Viaggi e vacanze

Case vacanza: la nuova formula per viaggiare risparmiando

Ci sono dei luoghi che ti rapiscono, ti rendono succube della loro grandezza e bellezza e non ti lasciano andare incitandoti alla continua scoperta di qualcosa che poi non ti abbandonerà e porterai sempre nel tuo cuore. Se leggi un blog di viaggi vedrai che ogni mese è perfetto per visitare una città piuttosto che un’altra e troverai consigli per risparmiare. Uno di questi luoghi incantevoli, che ti trasmette sensazioni uniche e che ti porta alla scoperta del suo cuore è il Salento. La formula migliore per trascorrere le vostre vacanze senza troppi danni per il portafoglio è alloggiare nelle case vacanza a Pescoluse ad esempio, una delle spiagge più incantevoli di questo lembo di terra.

La formula delle case vacanza è ormai diffusissima su tutto il territorio nazionale italiano ed in Salento ha riscosso molto successo negli ultimi anni.  La tipologia di vacanza ovviamente è diversa da quella in Hotel o in un B&B ma sicuramente offre dei vantaggi rispetto a questi ultimi.

In primo luogo, la formula casa vacanze, è sicuramente più economica, inoltre offre la comodità degli spazi da poter vivere e condividere con la famiglia o con gli amici.

Normalmente, chi sceglie questa tipologia di vacanza, sono famiglie con bambini o gruppi di ragazzi che non possono permettersi di trascorrere una vacanza in hotel o in un villaggio, o magari, dovrebbero accorciare la propria vacanza per questioni di budget. Con la formula casa vacanze a Pescoluse, ad esempio, il vostro budget non subirà scossoni e potrete permettervi di soggiornare per un periodo più lungo in questi luoghi meravigliosi.

Inoltre, il Salento è una terra dove ancora vi sono luoghi spartani e selvaggi; scoprirete che nell’entroterra esistono dei paesini  che sono ancora molto radicati alle loro  tradizioni e sembra che vivano in epoche remote. Tutto ciò ha un fascino indiscusso, una magnificenza straordinaria di architettura, presente e passata che si intreccia dando vita ad una delle terre più belle del nostro paese.

La formula delle case vacanza si è diffusa anche in questi paesini e trascorrere le vostre vacanze sarà memorabile. Gli abitanti di questi luoghi sono persone dall’animo nobile, soprattutto gli anziani, saggi e curvi per il duro lavoro nei campi. La loro pelle è bruciata dal sole e le rughe solcano i loro visi. Visi indimenticabili di straordinaria intensità.

Dal mare all’entroterra, questi luoghi vi entreranno nel cuore e vi renderanno felici dal primo istante. Iniziate la vostra vacanza in perfetto stile italiano:  lunghe spiagge sabbiose come Pescoluse, relax e tanto sole e mare. Ma non dimenticate di volgere il vostro sguardo anche verso luoghi che vi faranno respirare atmosfere antiche. Troverete sempre un angolo sconosciuto o un vicolo nascosto che vi sorprenderà.

Categorie
Curiosità

I lavori in giardino di Maggio

Ormai è arrivato Maggio e possiamo iniziare ad ammirare meravigliosi giardini ricchi di fiori, tipici della primavera. A maggio iniziano le prime raccolte di primavera, in particolare nelle zone d’Italia dove il clima è più caldo e le piante iniziano a fiorire prima..Sebbene i lavori più grossi li avrai già svolti a Marzo ed Aprile, è arrivato il momento di seminare ancora e dare spazio ai nuovi impianti. Segui questo tutorial di gardenhome.it per avere una splendida raccolta!

Elenco dei lavori in Giardino ed Orto nel mese di Maggio

Se stai pensando di fare spostamenti vari nel tuo orto o giardino, fermati immediatamente! Non è proprio il caso, rischieresti seriamente di pregiudicare la vita delle tue piantine che verrebbero sottoposte ad uno stress non indifferente. Ormai devi lasciarle dove si trovano!

Se invece vuoi apportare una ventata di nuove piante nel tuo giardino, allora puoi approfittare di questo periodo per acquistare delle nuove piante da trapiantare.Se vuoi concludere un’ottima raccolta allora dovrai lavorare il terreno con appositi concimi e terricci per fornire la giusta quantità di minerali e vitamine alla terra.

Se possiedi un prato, accertati che non ci siano aree senza erba, altrimenti, provvedi ad un infoltimento per recuperare il prato. Dovrai dunque con un rastrello, dispensare in modo equo il terriccio miscelato con fertilizzante in tutta la zona da trattare. Se vuoi, puoi anche integrare la sabbia.

Adesso puoi procedere con la semina dei semi per prato, prestando attenzione ad evitare i mucchietti di semi, e provvedendo alle annaffiature ogni 2/3 giorni circa. Ricorda anche di potare il prato ogni 10 giorni per liberarlo dalle erbe infestanti.

Fai prendere aria alle piante

A maggio puoi dislocare fuori tutte le piante dal tuo appartamento e farle rinfrescare, a condizione che non le esponi a luce diretta del sole.

In questo periodo iniziano gli attacchi parassitari alle piante, usa dei buoni insetticidi per debellare gli afidi e la cocciniglia.

Il momento giusto per le annaffiature!

lavori maggio giardino
lavori maggio giardino

Per evitare che l’acqua utilizzata per l’irrigazione possa evaporarsi, è meglio provvedere alle annaffiature durante il tramonto o alle prime luci dell’alba. Così facendo le piante prenderanno la giusta dose d’acqua per resistere alla calura dell’intera giornata.Utilizza l’acqua a temperatura ambiente affinchè le piante non subiscano shock termici.

Se annaffi le piante di sera, accertati di tenere asciutte le foglie, altrimenti rischi che prendano delle malattie.Se al contrario irrighi al mattino, non bagnarle comunque, perchè produrresti il classico effetto lente, ovvero le bruciature.

Inoltre evita sempre eventuali ristagni d’acqua, le radici soffocherebbero per mancanza di ossigeno e morirebbero sicuramente.

Cosa seminare a Maggio

Via libera alla semina di ogni specie di fiori, a Maggio puoi piantare davvero ogni fiore che ti viene in mente.Corri subito a acquistare ogni genere di fiore se ti piace avere un giardino fiornito, ecco la lista di piante con bulbo che puoi mettere a dimora: acidantera,begonia, belladonna, ciclamini, dalie, gladioli, ranuncoli,peonie, agapantus, anemone e trigidie.

Cosa si semina a Maggio

A maggio puoi seminare l’anguria, la barbabietola, le bietole da coste, i cardi, cavoli, cavolfiori,fagiolini, lattuga, melanzane, meloni, peperoni, pomodori, prezzemolo, scarola, rucola, zucca e zucchine, meloni, indivia, fagioli, cetrioli,carote, broccoli, basilico, asparagi.

Cosa fare nel frutteto?

In questo periodo nel frutteto, potrebbero proliferare la ticchiolatura, il mal di bolla nel pesco, la peronospera nelle viti e gli afidi. Provvedi con appositi insetticidi a liberartene.

Consigli sulla semina e trapianto nell’orto

Un consiglio utile è quello di seminare in semenzaio le seguenti piante: cavoli, verze e cavolfiori, che potrai sempre posizionare all’aria aperta riparando i germogli dalla luce diretta Utilizzando i semenzai, darai la giusta protezione ai germogli contro le avversità climatiche principalmente quelle delle zone più fredde.

La raccolta del mese di Maggio

La raccolta di maggio prevede in grande maggioranza spinaci ed asparagi, erbe aromatiche come salvia, origano e prezzemolo e la frutta fresca come pere, albicocche e nespole.

La raccolta del mese di Maggio

L’orto sul balcone potrai farlo a Maggio utilizzando tantissime erbe aromatiche che avrai precedentemente comprato e seminato come il prezzemolo, il rosmarino, la menta e la maggiorana. Per di più puoi mettere a dimora in vaso i pomodori, le melenzane ed i peperoni.

Categorie
Curiosità Viaggi e vacanze

Consigli utili per scoprire il Salento

Quando abbiamo pochi e preziosi giorni di vacanza a nostra disposizione e magari solo nel periodo estivo cerchiamo un luogo che coniughi relax, cultura e mare! Soprattutto non vogliamo commettere errori nella scelta della struttura che ci ospiterà. Una grande ospitalità la offrono gli hotel disseminati lungo la costa e nell’entroterra che vi faranno scoprire il Salento più autentico.

La maggior parte di questi hotel nascono proprio accanto alle spiagge più belle ed incontaminate del Salento, dove il mare ha il colore dello smeraldo e le sue acque sono limpide e cristalline.

A soli 50 metri da una delle spiagge più famose, troverete uno degli hotel in Salento più apprezzati dai turisti, La Conca hotel. Questo Hotel sorge a due passi dalle Maldive del Salento, spiaggia famosa per le sue distese di sabbia bianca e sottile e per il suo mare limpido e cristallino, poco profondo e quindi adatto a chi va in vacanza con bambini.

Ma il Salento non è solo mare limpido e cristallino o distese di sabbia bianca, il Salento è anche una terra ricca di storia, di arte e monumenti di una bellezza mozzafiato. Attraversare il Salento in auto è, per certi versi, come attraversare un grande parco naturale, protetto e incontaminato, dove vi imbatterete in distese di ulivi secolari, pagghiare disseminate nelle campagne, monumenti  preistorici come Dolmen e Menhir.

Una terra dal fascino accattivante, che vi conquisterà fin dal primo momento, fin dal primo sguardo, che vi entrerà nel sangue, una terra difficile da dimenticare!

Potrete trascorrere vacanze di lusso o vacanze più semplici e spartane, ma gli hotel nel Salento come La Conca Hotel sono tutti circondati da un’atmosfera unica e rarefatta, dove il tempo scorre lento e silenzioso nei caldi pomeriggi estivi in cui i bambini sonnecchiano al sole e i genitori si lasciano coccolare dalle acque tiepide del Mar Mediterraneo.

Cornici uniche, dal fascino millenario, dove la terra rossa la fa da padrona.  Luoghi davvero unici nel loro genere,  che offrono al viaggiatore mille opportunità. Location di grande fascino vi aspettano per farvi immergere nei sapori e odori di questa terra. Anche Hotel La Conca, tra gli hotel del Salento più belli, offre un ristorante tradizionale che vi farà degustare molti tra i  piatti tipici di questa regione.

Protagonisti indiscussi della vostra vacanza saranno il mare, le città d’arte come Lecce, i prodotti del territorio come melanzane, peperoni , olio extra vergine di oliva, il pasticciotto (tipico dolce salentino a base di pasta frolla ripiena di crema), il vino dei più famosi vitigni autoctoni Negro Amaro e Primitivo e tanta tradizione popolare.

Scegliete fin da ora il vostro angolo suggestivo e incantato dove trascorrere le vostre vacanze in Salento, trovate la vostra oasi di benessere tra i migliori hotel nel Salento che vi regaleranno esperienze sensoriali nei profumi Salentini, dove quiete e armonia vi circonderanno ogni giorno e che vi offriranno scenari notturni spettacolari come avviene quando la luna piena illumina il mare rendendolo una sconfinata distesa d’argento.

Categorie
Curiosità

Il Bonus 80 euro 2017: cosa è e come funziona

Più famoso di qualsiasi pop star che si rispetti è lui: il bonus 80 euro. E’stata una vera e propria rivoluzione che ha scatenato reazioni varie ed eventuali nel popolo italiano e, a titolo informativo, è giusto dire che questo “regalino” ce lo ritroveremo anche nel 2017 in tutto il suo splendore.

Chi può beneficiare del bonus 80 Euro?

La cosa bella del bonus 80 euro è che è un regalo, gli mancano solo fiocchi e fiocchetti.

La cosa brutta è che, più spesso di quanto si possa pensare, è un regalo da restituire, cerchiamo di capirci qualcosa.

Esistono precise indicazioni in merito a chi è beneficiario del bonus:

tutti coloro che posseggono un reddito complessivo tra gli 8.000 euro e i 26.000 euro lordi annui.

Tra i beneficiari è bene ricordare che, oltre ai classici dipendenti, il bonus spetta anche a:

  • soci lavoratori delle cooperative
  • disoccupati che percepiscono indennità di disoccupazione
  • lavoratori in mobilità e cassa integrazione
  • titolari di borse di studio e assegni di formazione
  • lavoratori socialmente utili
  • titolari di contratti a progetto e co.co.co

Cosa si intende per reddito complessivo?

Esistono varie tipologie di reddito:

  • da lavoro dipendente
  • dal possesso di immobili e/o terreni
  • da immobili fittati
  • ecc…

L’insieme di tutti questi redditi forma il reddito complessivo.

Quando il bonus 80 euro deve essere Restituito?

Il bonus viene restituito a fine anno più volte di quanto si può immaginare, eccone i motivi:

  • in un anno lavorativo sono molte le cose che cambiano in busta paga e sia nel caso in cui il reddito da lavoro dipendente superi i limiti per il bonus sia che vada al di sotto, il bonus dovrà essere restituito in sede di conguaglio
  • il datore di lavoro è a conoscenza solo ed esclusivamente del nostro reddito da lavoro dipendente quindi, nel caso in cui percepissimo altri redditi, il nostro reddito complessivo aumenterebbe rischiando, così, di uscire dai limiti reddituali previsti dalla legge

Come si ottiene il bonus?

Il bonus viene riconosciuto automaticamente dal datore di lavoro in busta paga in base ai redditi di cui è a conoscenza.

Vanno comunicate al datore di lavoro le seguenti situazioni:

  • cambio di lavoro nel corso dell’anno
  • la presenza di altri redditi oltre a quello da lavoro dipendente
  • lavoro discontinuo nel corso dell’anno

Si può richiedere di non percepire il bonus?

Nel caso in cui si abbia la certezza di non rientrare nei limiti di legge previsti per beneficiare del bonus, è bene chiedere di non inserire il bonus in busta paga mediante la compilazione di un apposito modulo da richiedere direttamente al datore  di lavoro. In alternativa dovrai optare per un prestito personale. Esistono diversi siti specializzati, ricchi di informazioni. Ti consigliamo su tutti il sito dedicato al fisco ed ai prestiti eticambio.it

La base di calcolo per il bonus 80 euro è il reddito complessivo annuo, il totale del bonus viene poi suddiviso per i 12 mesi dell’anno ( se si sarà svolto un periodo lavorativo inferiore ai 12 mesi il bonus verrà rapportato ai mesi lavorati).

Ecco una panoramica degli importi annui:

  • da 8.000 a 24.000 euro: € 960
  • 24.500 euro: € 720
  • 25.000 euro: € 480
  • 25.500 euro:  € 240
  • da 26.000 euro in poi: 0

Il bonus 80 euro è un regalo a tutti gli effetti ma, occhio al reddito, se non avete la certezza di rientrare in questo regalo è preferibile rinunciare per non avere brutte sorprese a fine anno perché, poi, andrà restituito per intero.

Fai parte di quella categoria di dipendenti che hanno restituito il bonus? L’hai scoperto in sede di dichiarazione dei redditi?

Categorie
Curiosità

Perché usare delle buone scarpe antinfortunistiche?

Se lavori in una fabbrica o azienda, la maggior parte delle volte ti chiedono di indossare le scarpe antinfortunistiche, ma forse quelle scarpe potrebbero non piacerti. Il punto è: non fermarti all’estetica, guarda invece gli innumerevoli vantaggi nell’indossarle.

Aumenta la sicurezza per i tuoi piedi

No scarpe? No sicurezza! Se operi nel settore dell’edilizia, è ovvio che tu indossi delle scarpe da lavoro. Anche se sarai spensierato, ma pensa solo alla ripercussione spiacevole di una base di marmo o un blocco di cemento che cade proprio sui tuoi piedi. Sicuramente starai sentendo il dolore anche se non ti è mai capitato!

Con le scarpe antinfortunistiche, per quanto possa essere scontato, i tuoi piedi ti saranno grati per sempre, visto che sono preziosissimi nella nostra vita. Non dimenticare che le scarpe da lavoro ti evitano delle conseguenze dannose per la tua salute.

Stabilità nei lavori pericolosi

Ti è mai capitato di camminare su superfici bagnate?, Immagina di camminare sul bagnato dove proprio l’acqua potrebbe divenire il tuo peggior nemico. Ebbene si, sappi che anche una semplice caduta a terra può causare seri problemi, e dalle quali difficilmente potresti uscirne indenne.

Le scarpe da lavoro in realtà, oltre avere la punta in ferro e rafforzata, hanno anche delle particolari suole che ti permettono di stare ben stabile su una qualsiasi strato. Grazie a loro potrai camminare tranquillamente in qualsiasi posto,ed evitare problemi che possono essere facilmente prevenuti.

Il fatto di indossare delle buone scarpe antinfortunistiche non ti dà la garanzia che non cadrai mai, ma difficilmente questa situazione potrebbe venire a crearsi. Pertanto abbiamo già trovato due vantaggi che ti permettono di capire l’utilità reale di queste scarpe, ed entrambe appartengono alla categoria della tua sicurezza sul lavoro, ti eviteranno un sacco di noie.

Escludere qualsiasi rivendicazione legale futile.

Immagina ora di essere tu stesso il datore del lavoro che opera in settori dove il pericolo potrebbe essere dietro l’angolo: che vantaggi trai dal far utilizzare ai tuoi dipendenti le scarpe da lavoro?

Principalmente come prima cosa, molto importante, garantirai ai tuoi dipendenti, un livello di sicurezza molto elevato, ti assicurerai che nessuno dei tuoi dipendenti subisca danni ai piedi, o possano comunque subire un infortunio che sicuramente ti darà molte rogne di cui potresti fare a meno.

Come seconda prospettiva da affrontare, ovviamente da non sottovalutare, escluderai seri problemi legali che ti porteranno via molto tempo e denaro.

Se non fornisci ai tuoi dipendenti queste calzature, o non imponi l’obbligo d’utilizzo, se qualcuno di loro si fa davvero male, ti farebbero causa, potresti procurarti molti problemi, visto che sarai considerato l’unico responsabile.

Se hai una ditta assicurati sempre che tutti usino queste scarpe da lavoro, affinché in caso di un incidente, tu possa essere sicuro del fatto che i tuoi dipendenti si prendano le loro responsabilità, in quanto è preferibile non forzare le persone con la propria volontà, anche se esiste l’obbligo di assicurarsi che tutti usino le scarpe protettive.

Non danneggerai le tue scarpe

Vediamo adesso un altro tipo di vantaggio,:eviterai di distruggere il tuo bel paio di scarpe che magari utilizzi in altre occasioni.

Se vai a lavorare con le tue scarpe abituali, oltre poterti far male rischi di rovinarle, e dunque di dover acquistarne un nuovo paio, anche se le hai comprate da una settimana o da pochissimo tempo. Le scarpe antinfortunistiche infatti sono nate per svolgere attività lavorative, sono ultra resistenti, a differenza invece di quello che succede con altre calzature.

Lascia perdere quindi le tue belle scarpe da jogging quelle che usi giornalmente, usa invece le scarpe da lavoro per lavorare, ed i tuoi piedi saranno molto felici!

Prevenire è meglio che curare

I vantaggi di queste scarpe sono tanti altri, ma tutti si possono riassumere, così come i precedenti, la parola “prevenzione”. Eventuali rischi di farti male seriamente per mezzo di qualche frattura, scariche di corrente o amputazione degli arti ed altre situazioni simili quindi potranno essere prevenute, grazie alle scarpe da lavoro, che hanno il grande vantaggio di evitarti incontri poco piacevoli, situazioni drastiche e degenze in ospedale.

Per questo motivo è fondamentale utilizzarle, avrai infatti tanti vantaggi diversi: per quanto possano essere scomode dunque, le scarpe antinfortunistiche sono un valido alleato, che ti accompagneranno dalla mattina fino alla sera nello svolgimento di una qualsiasi mansione lavorativa.

Tu invece che modello di scarpe da lavoro hai usato?

Categorie
Curiosità

Come fare il prato inglese?

Ti piacerebbe un bel prato da giardino? Sono veramente belli da guardare e rendono l’atmosfera di casa molto gradevole.

Tipi di prato inglese

Per fare un prato puoi usare diversi tipi di prato:

  • prato per decorazione
  • il prato da sport
  • prati da foraggi

Di solito i prati di produzione contengono anche erbacce, che purtroppo rovinano l’aspetto estetico del prato.

I prati per lo sport come ad esempio il campo da golf, il campo da tennis o il calcio, hanno bisogno di continua manutenzione del manto erboso per aumentarne la resa.

I prati decorativi da giardino invece, sono formati da erbe pregiate.

Tipologia di erba per prato e sementi

sementi da prato inglese

Guardiamo nello specifico alcune varietà di semi per prato: la poa, la festuca, agrostis, graminacee.

La scelta del tipo di prato dipende da svariati fattori, in primis: esposizione, le condizioni climatiche e tipo di terreno.

Potrai scegliere tra prato decorativo o il prato calpestabile, adatto per essere calpestato.

Bisogna stabilire se si ha poi il tempo a sufficienza per la cura del prato stesso.

La festuca come seme per prato

La Festuca, ad esempio è una varietà di sementi per prato che si adatta ai terreni asciutti. Una di questi è la festuca ovina e la festuca rubra.Hanno una crescita lenta, di conseguenza sono molto adatte per chi non ha molto tempo da dedicare alla manutenzione del manto erboso.

Utilizzare l’agrostide come semente per il prato

Il semente di Agrostide non necessita di continue rasature. Il prato realizzato con il seme di agrostide è famoso per la sua resistenza al calpestio vista la conformazione piuttosto densa e fitta. La tipologia di semi per prato più comprata su internet è l’Agrostis Stolonifera.

Loietto: come usarlo per il prato da giardino

Il semente da prato Loietto è certamente la tipologia di sementi più usata nella creazione del prato inglese, è resistente al calpestio e si adatta a molti tipi di terra.

Lo svantaggio del Loietto sta nel fatto che si sovrappone alle altre erbe, per tale ragione è consigliabile utilizzarla assieme ad un miscuglio di semi per prato.

Tipi di prato da giardino

Esistono diversi tipi di prato per il giardino, alcune richiedono maggiore cura di altri. Diversi tipi di tappeti erbosi prevedono il taglio due volte alla settimana, altri invece non hanno bisogno di tale manutenzione, per intenderci i prati all’inglese fatti con la Dichondrea Repens.

Se si vuole realizzare un bel prato all’inglese è vivamente consigliato farsi fare una analisi chimica del proprio terreno per stabilire le giuste condizioni per l’attecchimento dell’erba.

Puoi optare anche per l’acquisto di semi da prato realizzati con miscugli di semi diversi tra loro. Una volta seminati semi si dovrà attendere un periodo di almeno tre mesi per permettere al terreno di essere esposto agli agenti atmosferici. Intanto si può procedere con l’eliminazione delle infestanti.

Prato resistente al calpestio: ecco cosa devi sapere

Affinché il prato sia resistente al calpestio, è necessario che il terreno sia permeabile all’acqua e che abbia sostanze organiche e minerali a sufficienza. Se il tuo terreno non gode di queste caratteristiche dovrai aggiungere del fosforo, del potassio e dell’azoto. Chiedi ad un consorzio agrario consigli specifici. Ci sono inoltre terreni che hanno notevoli quantità di argilla che non favorisce l’attecchimento delle radici dei semi per prato, per tale ragione infatti è preferibile aggiungere del letame al terreno o in alternativa l’humus. Un terreno ottimale dovrà comunque avere circa l’ 80% di terriccio e un 20% di sabbia

Prato pronto: a zolle o a rotoli

Se al contrario vuoi comprare un prato pronto, puoi scegliere tra il prato a zolle o il prato a rotoli. Chi vuole optare per l’acquisto di un prato all’inglese già pronto dovrà spendere un prezzo più caro dovuto a questi vantaggi: velocità di realizzazione, nessuna erbaccia presente e le innaffiature non sono frequenti.

Manutenzione del prato

Il prato va innaffiato più volte durante l’estate e nei periodi di siccità altrimenti si rischia di provocare dei danni irrimediabili. Basterà annaffiarlo 2 volte la settimana.

E’ consigliabile effettuare anche una accurata rastrellatura del prato con una scopa metallica onde evitare la presenza di corpi estranei nel prato.

Concimazione del prato all’inglese

La concimazione del prato va effettuata nel mese di aprile, cercando di individuare ed eliminare le principali erbe infestanti come il trifoglio.

Ad aprile si potrà provvedere alla concimazione del prato avendo cura di asportare anche eventuali erbe infestanti. Esistono tuttavia in commercio degli ottimi diserbanti che si utilizzano soprattutto in primavera a partire da aprile fino al mese di giugno. E’ anche buona pratica controbilanciare l’effetto del diserbante con lo spargimento di un fertilizzate.

La tosatura del prato è infine la parte finale della manutenzione Infine rendi più vivo il tuo prato effettuando un paio di potature a settimana con pause di 10 giorni, avrai un prato all’inglese splendido.

Sementi da prato: Prezzi, offerte e sementi più venduti

Il costo per i sementi da prato dipende da diversi fattori, primo su tutti l’impiego del prato che si vuole fare, ma poi anche dalla quantità e dalla marca.

Esistono infatti semi per prato ornamentale, calpestabile e rustico che ne cambiano il prezzo. E’ possibile acquistare dei buoni semi per prato a partire da 3,00 euro per una confezione in barattoli da 300 gr. fino a superare le 100,00 euro per le buste da 25 kg..

Puoi comperare degli ottimi sementi per prato on line attraverso siti di giardinaggio, consorzi agrari oppure trovare offerte di semi da prato su Amazon.it o ebay.it, se invece vuoi ottenere una guida al prato verde, visita il sito forbicidapotatura.com.

Categorie
Curiosità

Cavitazione, Ultrasuoni e Liposuzione: cosa sapere

Un progetto fresco e giovane, questa è la cavitazione. Il nostro scopo è quello di condividere con i nostri lettori le news e le informazioni riguardanti uno dei più moderni trattamenti ad oggi a disposizione che si occupa di inestetismi della pelle, ed altro ancora, tanto odiati da uomini e donne di tutte le età.

Prendersi cura del proprio corpo e prestare attenzione al proprio benessere psico-fisico aiuta a stare meglio con se stessi. Questo nostro spazio è stato concepito in maniera lineare e suddiviso volontariamente in categorie tematiche per agevolare le ricerche degli utenti e permettergli al contempo di rintracciare in maniera facile e soprattutto veloce tutte le ultime novità che riguardano questo trattamento.

La Cavitazione: addio inestetismi

Certamente non siamo dei tuttologi, di questi il web è pieno. La Cavitazione estetica è una realtà concreta che ha un solo scopo, un obiettivo chiave da cui non si distacca, posto in evidenza dal nome stesso del progetto in questione.

La conoscenza e la passione ci accompagnano in questa avventura online e noi ne andiamo fieri, perché possiamo affermare con serenità che, a differenza di altre pagine, noi abbiamo un obiettivo da cui non ci distacchiamo: appagare la tua ricerca di chiarezza ed esaustività.

Abbiamo uno stile di scrittura semplice e chiaro che non trascura l’attenzione per la forma. I nostri articoli sono del tutto informativi, ovvero volti alla spiegazione limpida dei contenuti proposti.

Come si manifesta il nostro lavoro? Attraverso le nostre 6 categorie che sviscerano l’argomento da punti di vista diversi. La nostra Home, infatti, presenta tutte le news basilari sulla Cavitazione, che sono ad esempio: cos’è la cavitazione, dopo quanto tempo si vedono i primi risultati e i possibili effetti collaterali.

Andiamo oltre e parliamo di: Cavitazione medica e Cavitazione estetica. Si tratta di due diverse tipologie di trattamento che hanno risultati diversi e metodologie diverse. È importante, pertanto, capire bene qual è la differenza per poter procedere serenamente verso una direzione o un’altra.

Gettiamo ancora uno sguardo ai Costi, che spesso incidono sulle nostre scelte ma che non vanno mai trascurati. Quando si parla di Cavitazione è indispensabile sapere che i prezzi variano sulla base di vari fattori, quali ad esempio la scelta di una trattamento rispetto ad un altro, la preferenza accordata ad un centro e non ad un altro.

A tua disposizione, all’interno del nostro sito, anche un Blog, dove cercare soluzioni simili alla Cavitazione o ancora trattamenti differenti ma che hanno comunque uno stretto legame con la Cavitazione stessa e con la cura del corpo.

La Cavitazione: comunica con noi

La Cavitazione, a differenza delle altre realtà online, vuole un contatto diretto e lo dimostra con la categoria Contattami, posta in evidenza. Vuoi sapere perché? Perché riteniamo che il confronto sia auspicabile, per conoscere la tua opinione e le tue eventuali perplessità.

Un filo diretto quindi, che ti invitiamo ad usare quando e se lo riterrai opportuno, con la consapevolezza che dall’altro lato troverai risposte sempre esaustive e fornite nel minor tempo possibile.

Categorie
Curiosità

Come scegliere un passeggino trio : guida all’acquisto

Cosa sono i passeggini trio? Sono dei sistemi combinabili che permettono di avere a disposizione in un solo telaio un passeggino, una carrozzina o un seggiolino auto, non a caso vengono chiamati anche sistemi modulari o sistemi combinabili.

Passeggini trio: perché conviene

Il mercato offre una grande scelta di sistemi combinabili noti anche come passeggini trio,come ChiccoCam,Hauck oppure Peg Perego, e molti altri modelli per soddisfare ogni necessità.

Di regola i passeggini trio sono dotati di una navicella, un ovetto e una seduta passeggino che con il telaio andranno a comporre i tre prodotti il cui il sistema è trasformabile.

passeggini trio sono noti per trasformarsi in tre diversi accessori, ma se consideriamo che navicella e ovetto possono essere utilizzati anche come culla portatile per brevi spostamenti e l’ovetto come seggiolino, vediamo che la convenienza dei sistemi modulari è ancora maggiore.

Un elemento per cui i sistemi combinabili si differenziano è il maniglione: alcuni lo hanno singolo, altri a doppia maniglia. Potendo scegliere è preferibile senza dubbio comprare un passeggino trio con il maniglione unico che permette una maggiore comodità nella chiusura, nel movimento e lo rende fruibile anche con una sola mano mentre l’altra è impegnata.

Alcuni passeggini, come l’Inglesina Trilogy System sono disponibili in ambedue le versioni, altri solo in una delle due.

Fronte strada o fronte mamma.Molti genitori si chiedono quale sia la posizione da preferire per il bimbo mentre si è in giro con il passeggino, l’idea migliore in questi casi è comprare uno dei tanti modelli che permettono di rivoltare la seduta nelle due direzioni in modo da poterla variare a seconda delle necessità o dei gusti del piccolo.

Al momento dell’acquisto, se ritenete questa opzione utile dovete prestare molta attenzione visto che la reversibilità della seduta è uno dei primi optional a venir meno nei passeggini trio di fascia medio bassa.

passeggini trio servono a trasportare con facilità e sicurezza il vostro marmocchio ma non va tralasciata la comodità e il confort, soprattutto quando si parla di agenti atmosferici che possono interferire con la salute del neonato.

Un buon sistema modulare deve prevedere il giusto equipaggiamento sia per la cattiva stagione che per la buona: parapioggiacoprigambezanzarieracapottina parasole sono degli accessori irrinunciabili, sia che vengano forniti di serie o che vadano acquistati separatamente, l’impossibilità di averli è un valido motivo per scartare per un modello di passeggino, anche a rischio di spendere qualcosa in più.

La mobilità del sistema modulare è essenziale. Per valutarla bisogna controllare l’equipaggiamento del telaio e delle ruote.

Tutti i modelli adesso hanno ruote anteriori piroettanti per favorire una migliore guidabilità, diverso discorso per le sospensioni che sono assicurate e di buona qualità solo nei passeggini trio migliori, se prevedete di andare spesso al parco, o addirittura in campeggio, oppure le strade che normalmente percorrete sono dissestate allora sarebbe opportuno acquistare un passeggino con buoni ammortizzatori, in caso contrario è un optional a cui potete anche rinunciare senza compromettere il confort generale del neonato.

Un elemento che non va sottovalutato nella scelta del passeggino trio è la facilità di montaggio e la sua trasportabilità. Se finalmente tutti i modelli sono richiudibili con facilità, occorre valutare la possibilità di rimuovere le ruote al momento di riporlo.

Se non avete molto spazio dove conservarlo quando è smontato dovreste valutare l’opzione di acquistare un modello con ruote rimuovibili.

Un’operazione, invece, che quasi certamente dovrete effettuare più volte al giorno è l’assemblaggio dei vari componenti: controllate bene che sia possibile farlo senza sforzi e con comodità, alcune aziende costruttrici prevedono dei comodi sistemi brevettati, se non volete perdere tempo nel montaggio potete optare per questi modelli senza tra l’altro un maggiore esborso economico.

Prezzi ed offerte per i passeggini trio

Al pari di ogni altro prodotto sul mercato, forse anche più, il prezzo dei sistemi trio può variare molto, da meno di 300 euro dei passeggini trio economici fino a 900 euro per quelli più accessoriati e di moda.

La vastità del mercato per sistemi modulari, porta a molte offerte e promozioni che vi permetteranno di ottenere un passeggino trio a poco prezzo senza rinunciare alla qualità.

Inoltre, online potrai trovare un gran numero di opinioni e recensioni sui passeggini trio che ti aiuteranno nella scelta del modello.

Eì possibile comprare via web?

Oggi puoi acquistare un passeggino trio su internet, comodamente da casa. Acquistare su internet non è complicato, occorre però avere un minimo di dimistichezza e saper considerare l’oggetto da acquistare prima ancora di procedere con l’acquisto.Vediamo alcuni dei migliori siti internet dove potresti trovare dei passeggini trio:

  • www.amazon.it, uno dei siti di ecommerce più conosciuti al mondo. Tra i punti di forza trovi sicuramente la serietà dell’azienda e le spedizioni sicure.
  • Trovaprezzi, un comparatore di prodotti che ti offre una panoramica di passeggini che poi puoi comprare nei negozi disponibili.
  • genitoriebebe.it, è uno dei blog più noti nel panorama dei passeggini e dei prodotti per neonati. Offre un’ottima selezione di passeggini trio con delle vere e proprie schede tecniche per guidarti all’acquisto.

Ora che avrai un’idea più chiara sul mondo dei passeggini trio, non ti resta che scegliere quello migliore per le tue esigenze e acquistarlo. Facci conoscere la tua esperienza commentando l’articolo!

Categorie
Curiosità Fashion & Moda

Come curare la propria barba

Internet è ormai l’enciclopedia che tutti consultano per reperire le informazioni.

Quando non sappiamo fare qualcosa o abbiamo bisogno di documentarci, è nel web che cerchiamo le nostre risposte. Eppure non tutti gli argomenti possiedono le giuste fonti dove documentarsi, esistono infatti argomenti poco trattati e spesso anche trattati male.

Bisogna dunque saper scegliere dove reperire le giuste informazioni, altrimenti risulta tutto inutile.

Ad esempio, un argomento molto sottovalutato è quello della cura della barba. Spesso le persone non danno il giusto peso al radersi, ignorando completamente l’importanza della propria barba e della propria pelle, ritrovandosi poi con irritazioni e look poco presentabili.

In realtà la cura della barba dovrebbe essere una delle prime preoccupazioni per un uomo sia per una questione di igiene sia per una questione di immagine. La barba è uno dei nostri migliori biglietti da visita.

Una barba curata può dire molto su un uomo, un volto rasato e senza escoriazioni può infatti trasmettere sicurezza e pulizia.

Chi non vorrebbe trasmettere questo ad una cena di lavoro oppure ad un colloquio importante?

COME CURARE LA PROPRIA BARBA

La cura della barba è un passaggio delicato che ogni uomo dovrebbe considerare, anche perché con i giusti strumenti, come lamette o rasoi, e con le giuste creme e dopobarba non è poi un processo difficile.

Seguendo le istruzioni di persone competenti e professionisti, si possono ottenere i migliori risultati anche da casa, riuscendo ad evitare tagli e irritazioni, ma soprattutto riuscendo a mostrare una rasatura pulita ed efficace.

Lamettaorasoio.com è un buon sito dove reperire i prodotti necessari a questi intenti, visto che è possibile leggere recensioni su ogni prodotto di questa categoria, con suggerimenti e consigli sulle tecniche di rasatura. Inoltre ci sono link diretti per gli acquisti e spiegazioni che si adattano ad ogni esigenza dell’utente.

Molte persone infatti non sanno che per le pelli sensibili esistono altri prodotti e tecniche da utilizzare e che spesso l’utilizzo dell’acqua calda prima della rasatura e dell’acqua fredda dopo può aiutare a mantenere la pelle intatta e senza strappi.

Sono pochi ma importanti i dettagli a cui prestare attenzione, ma è necessario sapere quali, altrimenti rischiamo di danneggiare la nostra pelle ed il pelo della nostra barba.

Un consiglio molto utile trovato sul portale della cura della barba lametta o rasoio è stato quello di applicare un panno bagnato caldo prima della rasatura ed effettuare il primo passaggio di lametta in direzione del pelo, facendo poi seguire una seconda rasatura contropelo.

Sono riuscito però a trovare anche un buon rasoio elettrico da regalare ad uno dei miei amici che non usano la lametta, poiché le pelli sensibili spesso devono evitare l’uso del rasoio manuale usa e getta.

Se dunque siete interessati come me alla ricerca delle giuste informazioni per curare la propria barba, internet può aiutarvi molto.